laboursolidarity.org
Banner News italiano Banner News italiano
L'incontro virtuale della rete riunisce le organizzazioni affiliate per discutere di lotte e solidarietà internazionale concreta
Rete

L'incontro virtuale della rete riunisce le organizzazioni affiliate per discutere di lotte e solidarietà internazionale concreta

  • Facebook
  • Twitter

La resistenza in Ucraina e la Palestina sono stati i principali argomenti di discussione tra i partecipanti provenienti da 16 Paesi

Una revisione dell'impegno della Rete sindacale internazionale di solidarietà e lotta, firmato in occasione del 5° incontro tenutosi nel 2023 in Brasile, ha aperto l'incontro virtuale della Rete il 10 dicembre, a cui hanno partecipato più di 20 membri provenienti da diversi Paesi.

Ricordando le lotte difese dalla Rete nell'ultimo incontro internazionale, Fábio Bosco ha elencato alcune delle mozioni approvate, come il sostegno alla resistenza dei lavoratori in Ucraina, alle lotte dei popoli indigeni, palestinesi, saharawi e curdi, agli scioperi nel Regno Unito, alle mobilitazioni contro le riforme pensionistiche in Francia e Spagna e al rifiuto delle persecuzioni, degli arresti politici e dei licenziamenti in Ecuador, Brasile, Argentina, Colombia e Venezuela, tra gli altri.

Questa iniziativa è una delle raccomandazioni del 5° incontro, che terrà tre riunioni nel corso dell'anno per scambiare esperienze e riferire sulle difficoltà incontrate e sulle lotte condotte dalle organizzazioni affiliate alla rete.

Solidarietà con la resistenza ucraina

Yuri Samoilov, leader di un sindacato minerario di Kryvyi Rih, è stato il primo a parlare della situazione attuale della lotta dei lavoratori in Ucraina.

Secondo il sindacalista, la guerra ha portato a gravi problemi di approvvigionamento di vestiti e cibo, oltre che a difficoltà nel mantenere i rifugi.

"Non è possibile prevedere quando avanzare o ritirarsi, perché le decisioni devono essere prese molto rapidamente. Abbiamo quindi bisogno di rinforzi per avere cibo e ripari sufficienti per chi è in prima linea", ha spiegato.

Samoilov ha anche spiegato che, a causa della guerra, le manifestazioni e gli scioperi sono stati vietati o limitati. Per questo la mobilitazione internazionale contro aziende come ArcelorMittal, ad esempio, è così importante".

Oltre a questa situazione già tesa, altri fattori stanno mettendo a rischio il lavoro della resistenza contro l'invasione russa: l'inverno e la carenza di acqua potabile.

Herbert Claros, membro della Rete sindacale e del CSP-Conlutas, ha sottolineato la gravità della situazione e ha ribadito "l'importanza di continuare la campagna di raccolta fondi per costruire pozzi di acqua potabile in Ucraina".

I compagni Nepo dall'Argentina, Alfredo del Co.bas Spagna, Hortensia di Solidaires e Martin Ralph, sindacalista britannico e vicepresidente del TUC di Liverpool, hanno confermato azioni concrete di sostegno per garantire l'accesso all'acqua potabile agli ucraini di Kryvyi Rih.

Alfredo, di Co.bas, Spagna, ha spiegato che dobbiamo "continuare così, approfondendo il lavoro di solidarietà", mentre Martin ha indicato che un incontro con i sindacati del settore dell'istruzione, previsto per il 13 dicembre, sarà l'occasione per discutere della campagna a sostegno dell'Ucraina.

Oksana Slobodyana, infermiera ucraina e attivista del movimento "Be like Nina", ha parlato della lotta del movimento sanitario contro "la totale mancanza di trasparenza nella gestione degli aiuti umanitari, che rivela palesi disuguaglianze e ingiustizie nel trattamento e nella cura dei pazienti". 

Il movimento a cui appartiene Oksana ha svolto un ruolo chiave nella lotta contro la disuguaglianza tra uomini e donne. In un'intervista al network, ha dichiarato che "la maggior parte delle infermiere ucraine non ha opportunità di sviluppo professionale e non è incoraggiata a migliorare le proprie competenze". Oltre al lavoro, una donna deve crescere i figli, occuparsi della salute della famiglia e gestire la casa".

Un altro settore della classe operaia rappresentato all'incontro è stato quello dei trasporti. Vladimir Kozelsky, sindacalista delle ferrovie, ha descritto le difficoltà di lavorare su una lunga linea ferroviaria, trasportando beni di difesa per il Paese in condizioni pericolose e assumendo una pesante responsabilità per la resistenza.

Sostenere la coraggiosa lotta palestinese

Imad Temiza, leader sindacale del PPSWU, il servizio postale della Palestina occupata, ha iniziato il suo intervento ringraziando le numerose espressioni di sostegno alla resistenza contro gli attacchi israeliani.

Sessantatré giorni dopo il massacro, ha parlato della distruzione di Gaza e del deterioramento delle condizioni economiche del popolo palestinese.

Il bilancio delle vittime a Gaza supera i 17.000 morti, metà dei quali sono bambini, il sindacalista afferma che la situazione della disoccupazione nei territori del 1948 e in Cisgiordania è allarmante. "Per quanto riguarda Gaza, abbiamo perso il contatto con i lavoratori postali. Chiediamo di sostenere il cessate il fuoco e di garantire gli aiuti umanitari". Temiza ha anche sottolineato l'importanza di chiedere ai Paesi di interrompere le relazioni commerciali e militari con Israele.

Herbert ha dichiarato che in Brasile i sindacati affiliati alla CSP-Conlutas continuano a partecipare a tutte le manifestazioni di solidarietà con la Palestina, che si svolgono generalmente di domenica in tutto il Paese.

In Colombia, i sindacalisti Jorge Correa e Yudi Aya hanno partecipato alle discussioni. Il compagno Correa ha affermato che è importante che i sindacati continuino ad agire efficacemente a sostegno del popolo palestinese, affermando che la cooperazione internazionale tra i Paesi latinoamericani è possibile e necessaria a questo scopo.

Sulla stessa linea, altri partecipanti all'incontro hanno espresso la necessità di una solidarietà diretta. Roberto Luzzi, leader di Si cobas in Italia, ha fatto riferimento ai blocchi dei porti, come quello di Genova, volti a impedire l'ingresso e l'uscita delle navi da Israele. "Abbiamo bisogno di solidarietà attiva, non solo di dichiarazioni", ha affermato. 

Martin ha anche descritto azioni simili che coinvolgono diversi sindacati combattenti che manifestano il loro sostegno alla Palestina. "Abbiamo visto le campagne BDS e abbiamo notato che qui nel Regno Unito le aziende israeliane produttrici di armi [Elbit] sono state oggetto di azioni popolari. Abbiamo incontrato decine di sindacalisti qui a Liverpool, guidati dai portuali, che stanno bloccando le navi israeliane o le consegne di armi a Israele".

Peter Evans dell'UCU ha ribadito il sostegno del Regno Unito allo stato di apartheid di Israele.

Edu Aguayo, attivista del PT Paraguay, ha sottolineato "l'importanza di uno spazio per lo scambio di opinioni sui problemi affrontati dalla classe operaia in tutto il mondo" e ha spiegato che nel suo Paese la lotta palestinese è sostenuta, ma è soggetta a un "assedio mediatico molto pesante".

Anche Leonardo Arantes, del Comitato nazionale venezuelano dei conflitti operai, ha rafforzato il sostegno del Sud globale contro il "genocidio sionista israeliano a Gaza".

Marcelina Pedraza, rappresentante dell'UAW Local 551, ha parlato del sostegno del sindacato alla causa palestinese L'appello al cessate il fuoco del 1° dicembre è un atto storico di solidarietà con la resistenza del popolo palestinese. Questa azione è molto importante se si considera che l'UAW fa parte di una delle più grandi case automobilistiche degli Stati Uniti.

Rapporti locali

Argentina - La lotta contro il FMI, i governi dei padroni e il tradimento dei leader sindacali alleati con i governi sono stati gli ostacoli condivisi durante l'incontro. Si è parlato anche del governo di Javier Milei, sostenuto dall'ultradestra sionista. I compagni del Paese hanno chiesto di sostenere il rilascio dell'attivista Christian Dias, così come Daniel Ruiz e Sebastian Romero. 

Brasile - Sono state riportate le lotte del sindacato dei metalmeccanici di São José dos Campos, con il vittorioso sciopero alla GM in risposta a più di mille licenziamenti, che sono stati cancellati sotto una forte mobilitazione, e la vasta campagna contro la privatizzazione dell'azienda nazionale dell'acqua e delle ferrovie e della metropolitana di São Paulo, nonché il reintegro dei dirigenti della metropolitana licenziati per motivi politici dopo uno sciopero di classe.

Stato spagnolo - Confederación Intersindical María Luz Governi di destra e di ultradestra. l'istruzione e la sanità devono essere pubbliche. i salari congelati dalla crisi del 2008. questa è la nostra lotta quotidiana come classe operaia.

Stati Uniti - Lo sciopero delle tre grandi case automobilistiche è stato citato come una delle più grandi mobilitazioni degli ultimi tempi. I lavoratori hanno ottenuto aumenti salariali e si sono uniti per unificare le lotte salariali in vista di uno sciopero generale, con l'obiettivo di organizzare altre 31 aziende automobilistiche negli Stati Uniti.

Italia - I compagni italiani hanno condiviso le recenti azioni in difesa della Palestina, come la grande manifestazione del 17 novembre, e un importante rapporto sulle lotte contro la violenza sulle donne del 25 novembre. Anche il settore dei trasporti, in particolare le ferrovie, si è mobilitato, in particolare su questioni come la sicurezza sul lavoro. Questa categoria ha subito la repressione dello Stato, che ha impedito loro di esercitare il diritto di sciopero. Sono state condotte lotte anche contro i licenziamenti nelle aziende di logistica e la revoca dei diritti.

Messico - L'incontro si è concentrato sullo storico sciopero dei lavoratori dell'agenzia di comunicazione Sutnotimex. Composta principalmente da donne, questa classe di scioperanti è stata duramente attaccata da campagne di denigrazione e criminalizzazione. Jorge Salgado, leader del SITIMTA, ha parlato anche della modifica della legge nazionale sull'acqua, che ha dato vita a diverse azioni e mobilitazioni congiunte. Anche i rappresentanti di CNTE e SINTTIA della GM Silao hanno parlato delle lotte locali e dell'importanza della solidarietà internazionalista.

Paraguay - In Paraguay, una delle mobilitazioni in corso riguarda la riforma delle pensioni.

Polonia - Con le manifestazioni previste per l'11 dicembre a Varsavia, i lavoratori del settore pubblico comunale stanno lottando per ottenere salari migliori. Pawel Nowozycki di PI ha anche contribuito alla campagna per la costruzione di pozzi d'acqua potabile a Kryvyi Rih, in Ucraina.

Portogallo - João Reis, di Stasa Portogallo, ha descritto le esplorazioni di litio nel Paese e ha raccontato la resistenza della popolazione locale in difesa dell'agricoltura di sussistenza. È chiaro che gli interessi capitalistici si nascondono dietro una falsa transizione verde.

Regno Unito - Gli scioperi nel settore dei trasporti, guidati dal sindacato RMT, e altre mobilitazioni come quelle di Amazon e dei lavoratori del settore sanitario, sono stati significativi. L'ondata di scioperi ha portato a importanti vittorie regionali e nazionali.

Venezuela - È stata discussa la critica situazione economica, politica e sociale del Venezuela. I leader presenti hanno evidenziato l'aumento del numero di lavoratori dipendenti dall'economia informale, il basso salario minimo e hanno denunciato le centinaia di persone imprigionate per aver agito come leader sindacali.

Rafforzare la lotta e farla risuonare

David Blanco, coordinatore della Rete e segretario delle Relazioni internazionali della CGT, ha ribadito una vecchia richiesta dell'organizzazione, ovvero l'importanza di far conoscere tutte le lotte dei sindacati aderenti alla Rete e di dare loro visibilità sul nostro sito web e sui social media.

Marcelo Amendola, coordinatore della Rete sindacale e leader della CUB Italia, ha sottolineato il prezioso sforzo compiuto per organizzare discussioni regolari al fine di mantenere le relazioni allineate e rafforzate.

A suo avviso, è possibile rafforzare gli incontri a livello continentale per discutere i problemi comuni e l'agenda delle lotte.

È stato condiviso un resoconto della riunione della rete europea, che si terrà il 2, 3 e 4 febbraio a Milano, in Italia, per riprendere il lavoro e fungere da stimolo affinché lo stesso avvenga in altri continenti.

Si sono già tenute riunioni plenarie con i Paesi dell'America Latina e lo slancio ha contribuito a rafforzare le relazioni e le azioni comuni di lotta. 

Per la Rete Sindacale Internazionale di Solidarietà e Lotta, l'internazionalismo è fondamentale per la trasformazione in organizzazione combattiva, indipendente e di lotta.

Per inviare informazioni sulle lotte in corso nel vostro paese, inviatele a: syndicalisme.inter@solidaires.org

Per iscriversi alla nostra newsletter gratuita e ricevere le principali pubblicazioni della Rete nella vostra casella di posta elettronica, visitate il seguente link: https://laboursolidarity.org/newsletter

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Youtube
  • Instagram