laboursolidarity.org
Banner Ukraine IT Banner Ukraine IT
LibertÓ per Maksym Butkevych!
Ucraina

LibertÓ per Maksym Butkevych!

La condanna russa equivale a una condanna a morte mascherata

  • Facebook
  • Twitter

Rete europea di solidarietÓ con l'Ucraina

Venerdý 10 marzo, i media russi hanno riferito che tre prigionieri di guerra ucraini, tra cui Maksym Butkevych, sono stati "condannati" per crimini di guerra dalle "corti supreme" delle "Repubbliche popolari" di Donetsk e Luhansk della Federazione Russa e condannati a 13 anni per Maksym, 18,5 anni per Vladislav Chel e 8,5 anni per Viktor Prokhozei. Queste "condanne" sono i precursori di altre.

Maksym Butkevych Ŕ un detenuto molto famoso, conosciuto da anni in Ucraina ma anche a livello internazionale, come difensore dei migranti - aveva collaborato con l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) - come difensore dei diritti umani, come antifascista. Ha coordinato la campagna europea in difesa dei prigionieri di Crimea Oleg Sentsov e Alexandr Koltchenko, che saranno rilasciati dalle carceri russe nel 2019. ╚ uno studente di lunga data e un attivista della societÓ civile in Ucraina, che sostiene idee libertarie per un mondo senza dominazione e oppressione. ╚ anche un noto giornalista: ha fondato Hromadske Radio, ha collaborato con il BBC World Service e con diversi canali ucraini. Convinto antimilitarista, aveva comunque deciso di arruolarsi nell'esercito ucraino per la difesa del popolo e dei civili, nel marzo 2022, e aveva partecipato alla liberazione di Boutcha.

Una condanna a morte mascherata
Imprigionato dal giugno 2022, la propaganda russa lo ha dipinto come un "nazista" e un "fascista", calunnie volte a preparare il "processo di Mosca" a Luhansk, tenutosi il 10 marzo 2023. ╚ stato accusato di aver sparato con un lanciarazzi contro i civili a Severodonetsk il 4 giugno 2022. Secondo 12 organizzazioni ucraine e bielorusse per i diritti umani, Hromadske Radio e il centro per i diritti umani Zmina, la sua unitÓ non Ŕ mai stata impiegata a Severodonetsk.

Questa accusa infamante Ŕ stata concepita per far passare per "nazista" un difensore dei diritti umani noto sia in Ucraina che in Russia. Come sottolinea Amnesty International, la vera violazione della "legge di guerra" Ŕ la mancanza di un processo equo per i prigionieri di guerra. E la condanna a 13 anni nelle cantine del regime di Luhansk, se applicata a Maksym e ai suoi compagni di prigionia, equivale a una condanna a morte mascherata.

Il Comitato francese della Rete europea di solidarietÓ con l'Ucraina (RESU) aveva giÓ lanciato una campagna lo scorso autunno, durante la quale molte organizzazioni democratiche, politiche, associative e sindacali, rappresentanti eletti e personalitÓ avevano preso posizione per chiedere il rilascio di Maksym Buktevitch. Tutte queste strutture e personalitÓ devono far sentire nuovamente la loro voce: Ŕ urgente! La pressione dell'opinione pubblica democratica Ŕ indispensabile per salvare Maksym e gli altri prigionieri condannati dai tribunali fantoccio o che sono nelle mani dell'esercito russo.

Possono essere salvati. La loro liberazione deve diventare un simbolo della causa della veritÓ contro la "menzogna trionfante che passa" (JaurŔs), per la veritÓ e la giustizia! LibertÓ per Maksym Butkevych e gli altri prigionieri dell'esercito russo!

  • Facebook
  • Twitter
  • Youtube
  • Instagram